“Fornelle” di carnevale

Durante il Carnevale, la festa più allegra dell’anno, ogni regione italiana ha le sue tradizioni e i suoi dolci preferiti. Frittelle, crostoli, chiacchiere, bugie, cenci, sfrappole, castagnole. In questo periodo è tradizione che almeno una volta si prepari uno di questi dolci: ogni anno le nonne preparano ceste di crostoli e friggono frittelle a volontà.

Quest’anno ho voluto sperimentare una ricetta di frittelle senza doverle friggere nell’olio: dopo diversi tentativi, ho sfornato queste “fornelle” di carnevale alle mele e yogurt. Come misura per calcolare le dosi ho utilizzato il vasetto di yogurt; senza dover pesare alcun ingrediente, unite il tutto e l’impasto è pronto!

 

Ingredienti:

  • 2 mele di media grandezza
  • 1 vasetto di yogurt bianco al naturale
  • 2 vasetti di farina di farro
  • 1 e 1/2 vasetto di farina di kamut
  • 2 uova
  • 1/2 vasetto di zucchero di canna
  • la buccia di un’arancia
  • il succo di mezza arancia
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 pizzico di sale

Procedimento:

  1. Sbucciate le mele, togliete il torsolo e tagliatele a cubetti molto piccoli; immergeteli nello yogurt per rallentarne l’ossidazione e aumentarne il sapore;
  2. in una terrina, sbattete con una frusta le uova con lo zucchero di canna fino a ottenere una consistenza spumosa; aggiungete un pizzico di sale, il succo e la buccia di arancia;
  3. aggiungete i vasetti di farina e il bicarbonato, mescolando bene in modo da non ottenere grumi;
  4. unite le mele con lo yogurt; se l’impasto è troppo liquido, aggiungete un po’ di farina di farro.
  5. con l’aiuto di due cucchiai, formate delle palline che disporrete su una placca da forno, rivestita di carta forno;
  6. lasciate cuocere in forno per circa 20 minuti a 180 °C;
  7. una volta raffreddate, guarnite le “fornelle” con lo zucchero a velo.

Buon Carnevale!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.